Il Rev. Dr. Luca Vona, Eremita
VIVERE NEL DESERTO NON SIGNIFICA DISERTARE

sabato 4 gennaio 2020

Meditazione del giorno, 4 gennaio. La santa obbedienza

Matteo 16,24-26

Allora Gesù disse ai suoi discepoli: «Se uno vuol venire dietro a me, rinunci a se stesso, prenda la sua croce e mi segua. Perché chi vorrà salvare la sua vita, la perderà; ma chi avrà perduto la sua vita per amor mio, la troverà. Che gioverà a un uomo se, dopo aver guadagnato tutto il mondo, perde poi l'anima sua? O che darà l'uomo in cambio dell'anima sua?

Mesiter Eckart ha scritto: "Vi è molta gente che segue nostro Signore per metà della strada, ma non per l'altra metà. I primi danno via i propri beni, rinunciano agli amici e agli onori, ma gli risulta troppo arduo rinunciare a se stessi". È questa vita sorprendente, che prevede una completa obbedienza, senza alcuna riserva, che ti propongo di seguire in tutta umiltà, con un completo impegno e con grande serietà.. Letteralmente, senza riserve, completamente, in una totale obbedienza a Lui.
Quando un tale impegno è abbracciato da una vita umana, Dio irrompe in essa, si compiono miracoli, vengono rilasciate forze rigeneratrici del mondo intero, cambia la stessa storia. Non c'è nulla di più importante per l'umanità che assumere questo impegno, qui e adesso, nella vita e nell'ambiente di tutti i giorni, da parte tua e mia.

Riflessione
Considero seriamente Cristo non solo come mio Salvatore ma anche come mio Signore? La mia vita cristiana è una stanca abitudine o un impegno fervente? Sono quel tipo di cristiano che Cristo desidera io sia?

- Da Holiness and the High Contry, Albert F. Harper


Risultati immagini per prenda la sua croce e mi segua