Il Rev. Dr. Luca Vona, Eremita
VIVERE NEL DESERTO NON SIGNIFICA DISERTARE

mercoledì 1 gennaio 2020

L'Inno mariano Agni Parthene. L'eco del cielo sul Monte Athos

Agni Parthene è un famoso inno non liturgico dedicato alla Madre del Signore. Fu composto da Nectarios di Egina (Anastasios Kefalas), nato a Selimbria il 1º ottobre 1846 e morto ad Egina il 9 novembre 1920, vescovo ortodosso metropolita di Pentapolis, venerato come santo della Chiesa ortodossa e molto popolare, come pastore, educatore e grande taumaturgo. Questo inno che, secondo la tradizione, è stato ispirato da un'apparizione della Vergine, è una bellissima poesia, quasi una litania di titoli riferiti alla Tuttasanta, sul tipo dell'Akathistos alla Madre di Dio, scandito dal ritornello "Ave o sposa non sposata". Il testo è adattato metricamente ad una musica che si tramanda sia  stata anch'essa rivelata per mezzo di una visione angelica ad un monaco del monte Athos. Non c'è dubbio che l'andamento melodico di questo inno sia davvero affascinante e coinvolgente, quasi ipnotico nella sua capacità di orientare alla contemplazione. Viene spesso eseguito nelle chiese ortodosse, all'inizio dei Vespri, o dopo la conclusione della Divina Liturgia durante la venerazione della Croce.

Nettario di Egina (1846-1920)


Traduzione italiana del testo

Pura Vergine Signora,
Madre di Dio immacolata,
Ave o Sposa non sposata,

Vergine Madre Regina,
Vello tutto rorido,
Ave o Sposa non sposata.

Più alta dei cieli,
più splendida dei raggi del sole,
Ave o Sposa non sposata,

Gioia dei cori virginali,
superiore agli angeli,
Ave o Sposa non sposata.

Più luminosa dei cieli,
più pura della luce,
Ave o Sposa non sposata.

Di tutte le milizie celesti,
più santa,
Ave o Sposa non sposata.

Maria Semprevergine,
Signora di tutto il mondo,
Ave o Sposa non sposata,

Intatta Sposa santa,
Signora Tutta Santa,
Ave o Sposa non sposata.

Maria Sposa Regina,
causa della nostra gioia,
Ave o Sposa non sposata,

Fanciulla nobile Regina,
Madre Santissima,
Ave o Sposa non sposata.

Più onorata dei Cherubini,
colma di ogni gloria.
Ave o Sposa non sposata.

Superiore agli incorporei Serafini,
superiore ai Troni,
Ave o Sposa non sposata.

Ave canto dei Cherubini,
Ave inno degli Angeli,
Ave o Sposa non sposata.

Ave ode dei Serafini,
Gioia degli Arcangeli,
Ave o Sposa non sposata.

Ave pace e gioia,
Porto di salvezza,
Ave o Sposa non sposata.

Santa genitrice del Verbo,
Fiore dell'incorruttibilità,
Ave o Sposa non sposata.

Ave Paradiso della tenerezza,
e della vita eterna,
Ave o Sposa non sposata.

Ave legno di vita,
Fonte d'immortalità,
Ave o Sposa non sposata.

Ti inseguo Signora,
Ti invoco ora,
Ave o Sposa non sposata.

Sono intimorito da te, Signora di ogni cosa,
ricerco la tua grazia,
Ave o Sposa non sposata.

Vergine veneranda e immacolata,
Signora Tutta Santa,
Ave o Sposa non sposata.

Intensamente T'invoco,
Tempio benedetto,
Ave o Sposa non sposata.

Assistimi, salvami
dal nemico,
Ave o Sposa non sposata.

E mostrami l'eredità
della vita eterna,
Ave o Sposa non sposata.




Testo originale greco

ÁγνÞ ΠαρθÝνε ΔÝσποινα,
¢χραντε Θεοτüκε,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΠαρθÝνε ΜÞτηρ ¢νασσα,
ΠανÝνδροσÝ τε πüκε.
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΥψηλοτÝρα Ουρανþν,
ακτßνων λαμπροτÝρα
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΧαρÜ παρθενικþν χορþν,
αγγÝλων υπερτÝρα,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΕκλαμπροτÝρα ουρανþν
φωτüς καθαροτÝρα,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Των Ουρανßων στρατιþν
πασþν αγιωτÝρα
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Μαρßα ÁειπÜρθενε
κüσμου παντüς Κυρßα
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

¢χραντε Νýμφη ΠÜναγνε
ΔÝσποινα Παναγßα,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Μαρßα Νýμφη ¢νασσα,
χαρÜς ημþν αιτßα.
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΚορÞ σεμνÞ Βασßλισσα,
ΜÞτηρ υπεραγßα,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Τιμιþτερα Χερουβεßμ
υπερενδοξοτÝρα
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Των ασωμÜτων Σεραφεßμ
των Θρüνων υπερτÝρα,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Χαßρε το Üσμα Χερουβεßμ
χαßρε ýμνος ÁγγÝλων
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Χαßρε ωδÞ των Σεραφεßμ
ΧαρÜ των ÁρχαγγÝλων
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Χαßρε ειρÞνη και
χαρÜ λιμÞν της σωτηρßας
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΠαστÜς του Λüγου ιερÜ
Üνθος της αφθαρσßας
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Χαßρε ΠαρÜδεισε τρυφÞς,
ζωÞς τε αιωνßας,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Χαßρε το ξýλον της ζωÞς,
πηγÞ αθανασßας,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Σε ικετεýω ΔÝσποινα,
Σε, νυν, επικαλοýμαι,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Σε δυσωπþ ΠαντÜνασσα,
Σην χÜριν εξαιτοýμαι.
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

ΚορÞ σεμνÞ και Üσπιλε,
Δεσποßνα Παναγßα
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Θερμþς επικαλοýμαι Σε,
ΝαÝ ηγιασμÝνε,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Áντιλαβοý μου, ρýσαι με,
απü τοý πολεμßου,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.

Και κλÞρονομον δεßξον με,
ζωÞς της αιωνßου,
Χαßρε Νýμφη Áνýμφευτε.