Il Rev. Dr. Luca Vona, Eremita evangelico
VIVERE NEL DESERTO NON SIGNIFICA DISERTARE

martedì 12 novembre 2019

Christian Gottlieb Barth (+1862). Pastore, innografo, scrittore per l'infanzia

Il 12 novembre la Chiesa Luterana celebrano la memoria di Christian Gottlob Barth (1799-1862), ministro, scrittore ed editore protestante tedesco; fondatore della la casa editrice Calwer Verlag nel 1833 e membro fondatore della Alleanza Evangelica Mondiale (World Evangelical Alliance). Rappresentante del pietismo nel Württemberg, Christian Gottlob Barth è considerato uno dei padri del Risveglio cristiano (Erweckungsbewegung) nel diciannovesimo secolo. È anche ricordato per la Bibbia dei bambini, tradotta in inglese come Bible Stories, e successivamente in molte altre lingue.

Christian Gottlob Barth, Porträt.jpg
Christian Gottlieb Barth (1799-1862)

Nato a Stoccarda, Barth ha studiò teologia a Stift Tübingen. Dall 1824 al 1838 fu ministro a Möttlingen. Ha poi lavorato per la Calwer Verlagsverein (Associazione Editoriale Calw), da lui fondata nel 1833. Si concentrò sulle pubblicazioni per l'educazione cristiana, compresa la letteratura popolare. Come mebro fondatore della Alleanza Evangelica Mondiale vaggiò in Inghilterra e Scozia.

Christian Gottlob Barth ha scritto il testo di diverse canzoni e inni. Alcuni di essi compaiono nell'attuale inno protestante Evangelisches Gesangbuch. Sono riprese da un suo testo tre delle stanze dell'inno Sonne der Gerechtigkeit (Sole di giustizia), compilato da Otto Riethmüller.
Nel 1832 scrisse Zweymal zwey und fünfzig biblische Geschichten für Schulen und Familien (Due volte cinquantadue storie bibliche per scuole e famiglie), una Bibbia per bambini, tradotta in inglese come racconti biblici, e poi in varie lingue. Il titolo si rifà a un noto lavoro che Johann Hübner scrisse nel 1714. Barth pubblicò nel 1843 Geschichte von Württemberg (Storia del Württemberg), che apparve in diverse edizioni.

Era noto per la sua collezione di etnologia, che fu ampliata dai missionari che lavoravano per lui. Ha donato pezzi al Naturaliencabinett di Stoccarda e all'Università di Tubinga. Morì a Calw.

Fu eletto membro della Accademia Bavarese delle Scienze e delle Discipline Umanistiche nel 1845. Nel 1848 divenne membro onorario della Gesellschaft für Naturkunde nel Württemberg (Associazione di Scienze Naturali nel Württemberg).



1) Sole di giustizia, continua nel nostro tempo;
Irrompi nella tua chiesa che il mondo possa vederlo.
Abbi pietà, Signore.

2) Alza la cristianità morta dal sonno della sicurezza,
che senta la tua voce, si converte alla tua parola.
Abbi pietà, Signore.

3) Guarda la divisione che nessun altro può combattere;
Raccogli, pastore degli uomini, tutti coloro che hanno perso la strada.
Abbi pietà, Signore.

4) Apri le porte ai popoli;
La tua corsa celeste non è soffocata né dall'astuzia né dal potere.
Porta la luce nella notte oscura.
Abbi pietà, Signore.

5) Dai al messaggero potere e coraggio, fede, speranza, fuoco d'amore,
Produci frutti in abbondanza dove si semina con le lacrime.
Abbi pietà, Signore.

6) Vediamo la tua gloria anche in questo momento
e con il nostro piccolo potere esercitiamo il buon cavalierato.
Abbi pietà, Signore.

7) Lasciaci essere uno, Gesù Cristo, come tu sei con il Padre,
sempre uguale a te stesso, oggi come nell'eternità.
Abbi pietà, Signore.

8) Potenza, lode, onore e gloria siano sempre al Supremo,
che, colui che è tre in uno, e ci permette di essere uno in Lui.
Abbi pietà, Signore.


***


1) Sonne der Gerechtigkeit, gehe auf zu unsrer Zeit;
brich in Deiner Kirche an, daß die Welt es sehen kann.
Erbarm Dich, Herr.

2) Weck die tote Christenheit aus dem Schlaf der Sicherheit,
daß sie Deine Stimme hört, sich zu Deinem Wort bekehrt.
Erbarm Dich, Herr.

3) Schaue die Zertrennung an, der sonst niemand wehren kann;
sammle, großer Menschenhirt, alles, was sich hat verirrt.
Erbarm Dich, Herr.

4) Tu der Völker Türen auf;
Deines Himmelreiches Lauf hemme keine List noch Macht.
Schaffe Licht in dunkler Nacht.
Erbarm Dich, Herr.

5) Gib den Boten Kraft und Mut, Glauben, Hoffnung, Liebesglut,
laß Du reiche Frucht aufgehn, wo sie unter Tränen säen.
Erbarm Dich, Herr.

6) Laß uns Deine Herrlichkeit sehen auch in dieser Zeit
und mit unsrer kleinen Kraft üben gute Ritterschaft.
Erbarm Dich, Herr.

7) Laß uns eins sein, Jesu Christ, wie Du mit dem Vater bist,
in Dir bleiben allezeit, heute wie in Ewigkeit.
Erbarm Dich, Herr.

8) Kraft, Lob, Ehr und Herrlichkeit sei dem Höchsten allezeit,
der, wie Er ist drei in ein, uns in Ihm läßt eines sein.
Erbarm Dich, Herr.